Active Media Blog

Pensieri & Parole dal team di Active Media

Neri Per Caso - Le Ragazze

Nel 1995, nello scialbo panorama musicale italiano, esplode il fenomeno di un gruppo "a cappella" Salernitano DOC che conquista rapidamente le classifiche e vince anche il Sanremo Giovani 1995 con il loro brano "Le Ragazze": sono i Neri Per Caso.


Il gruppo, perlappunto, si esibisce sempre a cappella senza l'utilizzo di alcuno strumento musicale, tranne in alcune occasioni live o in dischi in cui hanno accompagnato le voci con dei suoni acustici e percussioni creati con oggetti comuni come bicchieri, cucchiaini e fodere.
Il nome originale dei Neri per Caso, composti da Ciro Caravano, Diego Caravano, Gonzalo Caravano, Domenico Caravano, Mario Crescenzo e Massimo De Divitiis, era CRECASON, cioè un acronimo tra i loro cognomi ed iniziali, il nome "Neri per Caso" è nato una sera in cui il compositore/produttore Claudio Mattone assistette ad una loro performance in un locale di Roma e vedendoli tutti vestiti di nero, con jeans neri e maglia nera, chiese loro se si vestissero sempre così. Alla loro risposta "no, è stato un caso", Mattone scelse di farli chiamare "Neri per Caso".


Dopo la vittoria al Sanremo Giovani del 1995 esce il loro primo disco, chiamato anch'esso "Le Ragazze", che contiene cover di noti brani italiani e due canzoni inedite ed ottiene 6 dischi di platino.


Successivamente hanno pubblicato altri 6 album in studio e 4 raccolte e continuano ancora oggi a suonare ed a duettare con altri "mostri sacri" italiani, portando nelle piazze una musica leggera per certi versi differente dal comune, composta sicuramente di elementi genuini ed immediati come gli assoli ed i cori di questi ragazzi.

Continue reading
572 Hits
0 Comments

The Clash - London Calling

London Calling è una canzone dei The Clash, estratta dall'album London Calling del 1979, e pubblicata come singolo il 7 dicembre 1979. Nel novembre 2004 la rivista Rolling Stone posizionò London Calling alla quindicesima posizione della lista delle 500 migliori canzoni di sempre. La canzone è stata scelta come inno delle Olimpiadi di Londra del 2012, suscitando alcune polemiche per il significato originale del testo piuttosto macabroQualcuno ricorda il singolo come colonna sonora del film Agente 007 - La morte può attendere, Billy Elliot e London Boulevard? London Calling (album) compare nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone alla posizione numero 8, considerato sempre dalla rivista Rolling Stone come il migliore album degli anni ottanta, pur essendo uscito nel dicembre 1979. In ogni caso con oltre due milioni di copie vendute nel mondo, l'album è stato certificato disco di platino e disco d'oro negli Stati Uniti, oltre che disco d'oro e d'argento nel Regno Unito, dando una notorietà a livello mondiale al gruppo britannico. La copertina del vinile di London Calling è celebre per la fotografia di Paul Simonon che spacca il basso sul palco e per la grafica che riprende il primo album di Elvis Presley. L'immagine volle essere un omaggio a Elvis, primo cantante di rock and roll bianco, con cui si vollero comparare per la temerarietà nelle scelte musicali e per indicare il loro riavvicinamento alle radici del rock.


Tags:
Continue reading
519 Hits
0 Comments

I Need a Dollar, l'R&B sposa il Soul

I Need a Dollar è un brano musicale che miscela l'R&B e il Soul del cantante statunitense Egbert Nathaniel Dawkins III conosciuto come Aloe Blacc. Nato in California, inizia la sua carriera nel 1995 come cantante rap nel gruppo indie chiamato Emanon. Il brano è stato pubblicato come primo singolo nel 2010 estratto dall'album Good Things. I Need a Dollar è diventato il tema d'apertura della serie tv How to Make It in America, trasmessa negli Stati Uniti dalla HBO. Il brano è presente nel videogioco di pugilato Fight Night Champion. Il testo esprime il pensiero del cantante riguardo la povertà in maniera semplice e diretta e unisce due generi musicali appartenenti a periodi storici diversi, sfociando in una musicalità coinvolgente e divertente.




"Ed ho detto che ho bisogno di un dollaro,
un dollaro è ciò di cui ho bisogno
E se condivido con te la mia storia
tu condividerai il tuo dollaro con me?"



Continue reading
526 Hits
0 Comments

La Strada per L'immortalità - Sonic Highways

Qualche anno fa stavo vedendo dei video  di Jimmy Page e notai che tra i filmati consigliati c'era un live al Wembley Stadium.  Page e John Paul Jones suonavano insieme ad una band che avevo solo sentito nominare, la band si chiamava e si chiama ancora Foo Fighters. Naturalmente rimasi incuriosito, se due mostri sacri della musica rock suonano dal vivo insieme ad una band che per me era semi sconosciuta significava che dovevo informarmi. Leggendo su internet scoprii che la band era stata fondata da un ex componente dei Nirvana, band che ha accompagnato la mia adolescenza, tale Dave Grohl.  Comprai un album, una raccolta di successi e rimasi affascinato dal modo in  cui  interpretavano la musica rock. C'era tutto quello che caratterizza una grande rock band. Voce potente, bei testi, chitarre forti e incisi orecchiabili. Otto anni dopo averli scoperti, i Foo Fighters escono con un nuovo album, forse il più atteso dell'anno: Sonic Highways.

Forti del successo del loro lavoro precedente, Wasting Light, vincitore di innumerevoli premi, i Foo Fighters approcciano al nuovo album in una maniera innovativa, sia a livello di composizione musicale che a livello di vendite e quindi di marketing. Il progetto è interessante e consiste nel ripercorrere la storia del Rock americano passando per  otto città che secondo i componenti della band lo hanno caratterizzato: Chicago, Washington D.C., Nashville, Austin, Los Angeles, New Orleans, Seattle, New York. Ogni brano dell'album, che è composto da otto canzoni, è caratterizzato, o almeno così dovrebbe essere, dal sound della città in cui è stato registrato. Così possiamo ascoltare gli strumenti a fiato tipici del Jazz di New Orleans nel brano intitolato In the Clear, oppure la composizione musicale scomposta, che dovrebbe ricordare vagamente il punk di Chicago nella già famosissima Something From Nothing e ancora possiamo ritrovare il sentimento nel cantato e nella composizione del testo tipico del grunge in Subterranean, brano registrato proprio a Seattle.

Oltre all'album la band ha anche registrato un film, diretto dallo stesso Grohl e diviso in otto parti, una per ogni città. (Visibile su Sky arte). Lavoro che ha dato notevole visibilità mediatica alla band statunitense, infatti in patria il docu-film è trasmesso sulla rete HBO.

L'idea dell'album e la sua composizione è ottima, i Foo Fighters si ritrovano in ogni brano e non hanno avuto un tracollo, come era prevedibile dopo il successo mondiale ottenuto con il loro lavoro precedente, il già citato Wasting Light. Però, secondo il mio modestissimo parare, nonostante sia un ottimo lavoro, di ascolto piacevole per gli amanti del rock, l'album manca di originalità. Ora uno potrebbe dirmi " è normale. è un omaggio al rock statunitense". Vero ma non è un album di cover e proprio per questo motivo, la band avrebbe potuto sforzarsi di più per  creare un lavoro che così si avvicina solamente ad un album memorabile, di quelli che varranno ricordati per decenni.

L’impressione è che i Foo Fighters con Sonic Highways abbiano sprecato la possibilità di entrare di diritto nell’Olimpo del rock. Sicuramente verrà ricordata l’idea e il concepimento dell’album ma per restare immortali c’è bisogno di qualcosa in più. 
Continue reading
441 Hits
0 Comments

Rino Gaetano - Ma Il Cielo È Sempre Più Blu

“Ma il cielo è sempre piú blu”  è una canzone di Rino Gaetano, pubblicato come singolo dall'etichetta discografica It nel 1975. La canzone, che nel formato originale durava 8 minuti e 43 secondi, venne originariamente divisa in due parti (una per lato): Ma il cielo è sempre più blu - Parte I e Ma il cielo è sempre più blu - Parte II. La versione completa venne in seguito pubblicata nella raccolta Gianna e le altre... del 1988 con una durata di 8 minuti e 21 secondi. Il brano fu inizialmente censurato perché conteneva due frasi che non potevano essere diffuse: "Chi tira la bomba/chi nasconde la mano e chi canta Baglioni/chi rompe i coglioni". La canzone è anche l'inno della squadra di calcio del Crotone.


 

Continue reading
553 Hits
0 Comments